NEWS

Finanziaria Pat, si punti su conoscenza e lavoro

Il documento con le osservazioni di Cgil Cisl Uil del Trentino

Finanziaria Pat, si punti su conoscenza e lavoro

Investire in conoscenza e rafforzare le politiche attive del lavoro. E' questa la direzione a cui deve puntare la finanziaria provinciale secondo Cgil Cisl Uil del Trentino che in un documento unitario hanno presentato le loro osservazioni in vista della definizione della manovra di bilancio. Per le tre confederazioni la finanziaria deve contribuire a sostenere la ripresa economica in atto, investendo sugli assi strategici per lo sviluppo del Trentino. In primo luogo la conoscenza, a tutti i livelli, fattore fondamentale per governare la rivoluzione tecnologica in atto e garantire uno sviluppo sostenibile, duraturo e di qualità. Sul piano del lavoro Cgil Cisl Uil del Trentino chiedono alla giunta provinciale maggiori risorse nelle politiche attive del lavoro e nei servizi per l'impiego, anche per migliorare la capacità di leggere le reali esigenze del mercato del lavoro e facilitare l'incontro tra domanda e offerta, anche attraverso un rafforzamento e un miglior coordinamento dell'offerta di formazione continua, degli strumenti esistenti per l'occupazione giovanile e i lavori socialmente utili. Per quanto riguarda le politiche sociali i sindacati reputano indispensabile una manutenzione dell'Icef, indicizzandolo all'inflazione, aumentando gli incentivi al lavoro e le detrazioni per le spese legate all'assistenza. Sul piano della fiscalità i sindacati chiedono che gli incentivi fiscali siano legati agli investimenti a sostegno della crescita e dell'occupazione, mentre sul piano dei contratti si insiste sull'opportunità di arrivare alla chiusura dei tavoli negoziali nel settore pubblico. Sotto, in allegato, il documento completo.


Allegati

 

 

TORNA SU