NEWS

Superstore, serve chiarezza sul futuro

Sindacati e lavoratori attendono risposte sulle prospettive dei punti vendita di Trento e Rovereto

“I dati diffusi ieri dal Sait sulla situazione anche dei due Supestore confermano le nostre preoccupazioni. I lavoratori hanno diritto di conoscere la reale situazione dei due punti vendita, le prospettive future in termini commerciali e societari”. Lo dicono i due segretari provinciali di Filcams Cgil e Fisascat Cisl, Roland Caramelle e Lamberto Avanzo. “Speriamo di avere risposte nel prossimo incontro con i vertici di Trento Sviluppo, che finalmente dopo sette mesi di attesa, è stato fissato nella prima metà di maggio. Sarà l'occasione per chiarire, ci auguriamo, la situazione dei due Superstore. Intanto la concorrenza non resta ferma e sul mercato sono comparsi nuovi attori”. L'ultimo confronto infatti risale all'ottobre scorso, poi più niente nonostante le richieste delle parti sindacali. “Unica certezza che abbiamo fino a questo momento è che ai lavoratori quest'anno non è stato pagato il premio di risultato e non è un segnale rassicurante. Intanto sono cambiati i vertici e, né a noi né ai lavoratori è arrivato alcun riscontro”.

Una situazione di incertezza collegata anche agli assetti societari. “Non è ancora chiaro quali prospettive ha Alleanza 3.0, visto che per Sait la discussione è aperta”. Insomma per i sindacati i nodi da sciogliere sono più di uno ed è sperabile che le risposte arrivino in tempi rapidi.

Trento, 18 aprile 2018

 

 

TORNA SU